Make your own free website on Tripod.com

Lo stabilizzatore d'immagine

Presente ormai in tutte le videocamere digitali, lo stabilizzatore d'immagine è un dispositivo che consente di rendere stabile l'immagine registrata, riducendo al minimo i movimenti involontari che spesso possono verificarsi durante le riprese, soprattutto in condizioni di movimento.
Diverse caratteristiche legate alle attuali videocamere digitali rendono pressoché indispensabile l'intervento di uno stabilizzatore d'immagine che infatti è in grado di attenuare e correggere i tremolii e le oscillazioni spesso inevitabili quando si effettua una ripresa: le ridotte dimensioni dei camcorder, il loro peso sempre più contenuto, il ridotto uso di cavalletti (e i loro prezzi spesso proibitivi per un videoamatore) e la diffusione di potenti zoom che infatti per ottenere immagini nitide richiedono maggiore stabilità in fase di ripresa rispetto agli obiettivi a focale fissa.

Esistono due tipologie di stabilizzatori d'immagine: quelli digitali, molto più diffusi perché meno ingombranti e più economici, e quelli ottici, installati solo in videocamere di altissimo livello.
Gli stabilizzatori d'immagine, sia digitali che ottici, intervengono in tempo reale al momento della cattura dell'immagine sul sensore CCD, ma secondo metodologie differenti.
I dispositivi digitali elaborano la videoregistrazione con un apposito software capace di confrontare ogni immagine con quella immediatamente precedente in modo da "correggerne" gli eventuali eccessivi spostamenti: il risultato è una ripresa stabile ma non sempre di eccellente qualità e nitidezza; quello ottico invece agisce in modo meccanico, imprimendo al movimento involontario che colpisce la lente dell'obiettivo una spinta uguale e contraria, in grado di annullarne l'oscillazione: il risultato è una ripresa sempre di ottima qualità.

E' importante comunque non trascurare il fatto che anche se lo stabilizzatore d'immagine risulta un valido aiuto per ridurre i difetti delle riprese in movimento, non può comunque essere considerato uno strumento per compensare delle riprese girate con scarsa attenzione.